venerdì 26 settembre 2014

PULLMAN per Ferrara: il nostro pullman è già completo!!!

ATTENZIONE: il nostro pullman per la manifestazione di sabato 11 ottobre a Ferrara è già completo. Da oggi 26.09.2014,non potremo soddisfare altre richieste di prenotazione.
Grazie a tutti/e coloro che hanno prenotato. Ieri vi abbiamo scritto gli ultimi dettagli via mail. Ora non rimane che attendere sabato 11 ottobre per poter tornare in strada a manifestare con la stessa determinazione che ha contraddistinto la lotta contro Green Hill! Infatti non dimentichiamoci che la vivisezione non è affatto finita, né morta né messa al bando. E' più viva che mai e continua a mietere, dopo indicibili torture, migliaia di vite innocenti ogni singolo giorno nelle università e nei laboratori di Ricerca pubblici e privati. E' ora di agire per l'abolizione totale di questa pseudoscienza! Basta crudeltà, basta vivisezione!


mercoledì 24 settembre 2014

FERMARE GREEN HILL - IL LIBRO

Fermare Green Hill” è il racconto della storia della campagna contro il
tristemente noto allevamento di beagles da laboratorio di Montichiari, e
insieme la storia degli attivisti che questa campagna l’hanno pensata,
costruita e resa possibile.

E’ una vicenda incredibile che dimostra come poche persone ben
organizzate
e determinate con pressoché nessun mezzo se non una strategia chiara e
intelligente possano un giorno cambiare il mondo e realizzare un sogno.
E’
la storia delle paure, delle gioie, delle lacrime, dei sorrisi,
dell’amarezza e della soddisfazione di chi ha lavorato e programmato,
giorno dopo giorno, lo smantellamento di Green Hill e la liberazione di
tutti i cani prigionieri.

E’ la storia di un’idea e di un sogno, di una lotta per la giustizia e
la
liberazione animale. Di una campagna nata per chiudere un allevamento, e
diventata veicolo senza precedenti della guerra contro la vivisezione.
Grazie all’occupazione del tetto, alla liberazione dei cani il 28 aprile
2012, e all’occupazione dello stabulario del Dipartimento di
Farmacologia
dell’aprile 2013, in Italia e non solo il velo che nasconde e mistifica
la
realtà della sperimentazione animale è stato squarciato. Il dibattito
diventato sempre più acceso. Fino a spingere anche la classe politica a
prendere timidamente posizione.

Questo libro vuole essere quindi racconto di quanto accaduto, ma anche
spinta e stimolo, affinché quel velo venga squarciato sempre più,
affinché
la lotta continui. E Green Hill sia solo il primo lager ad essere
svuotato. Il primo di molti altri.

NOTA: Il libro è autoprodotto dal Coordinamento Fermare Green Hill.
L’intero ricavato dalla vendita, senza alcun ricarico, servirà a
sostenere
le spese legali degli attivisti indagati e inquisiti per vari reati
durante lo svolgimento di questa straordinaria campagna.

Il libro viene venduto a euro 10 più spese postali.
Per ordinarlo scrivere a fermaregreenhill@gmail.com

-----------------

FERMARE GREEN HILL al MiVEG!
Sabato 27 settembre alle ore 15.30 il libro verrà presentato in
anteprima
nazionale al MiVEG - Festival vegan all'Idroscalo di Milano.
Per tutte le info su questo festival: www.miveg.org
______________________________________

COORDINAMENTO FERMARE GREEN HILL
Mail: info@fermaregreenhill.net
Fb: www.facebook.com/controgreenhill
Twitter: twitter.com/FermareGH





domenica 21 settembre 2014

BRESCIA PROGETTO I CARE 21.09.2014

Oggi il Comitato Montichiari contro Green Hill era a Brescia, in piazzetta Vescovado, con il progetto I-Care Italia. Ringraziamo tutte le persone che hanno voluto contribuire con piccole ma significative offerte alla raccolta fondi di questo importante progetto per una Ricerca vera e eticamente evoluta. Proprio questa settimana, partirà presso l'Università di Genova, il primo corso teorico-pratico dedicato ai metodi sostitutivi, tenuto dalla Dott.ssa Penco. Questo corso è finanziato anche grazie alle donazioni e alle offerte raccolte presso i tavoli I care che sempre più spesso vengono organizzati in moltissime città italiane da volontari come noi, animati da sensibilità e speranza nel Cambiamento. 
PS Senza voler fare polemica, ma per la cronaca, va detto che avevamo richiesto come spazio una postazione in corso Zanardelli, zona di maggior passaggio e visibilità. Questa postazione ci è stata subito negata dal Comune perchè il corso era già stato riservato alle celebrazioni per le X Giornate, così ci hanno scritto. Peccato che proprio in corso Zanardelli e proprio oggi (in contemporanea al nostro) c'era il gazebo di chi raccoglieva fondi per la ricerca "vecchio stile" quella basata sulla sperimentazione animale e sulle secchiate di acqua in testa. 
Speriamo si sia trattato di un disguido. Sarebbe imbarazzante e poco democratico discriminare le associazioni che promuovono i metodi sostitutivi per favorire quelle che sulla pelle degli animali e dei malati costruiscono fortune.

Un ringraziamento speciale ai volontari e alle volontarie che ci hanno dato, come sempre, un aiuto preziosissimo e graditissimo!
Basta vivisezione, largo alla vera Ricerca!





SALO' - FESTA DELLE 100 ASSOCIAZIONI 2014

Si è svolta oggi, 21.09.2014 a Salò la tradizionale Festa delle 100 Associazioni. Il Comitato Montichiari contro Green Hill era presente con raccolte firme e materiale informativo sui diritti degli animali che tanto ci stanno a cuore.
Ringraziamo tutte le persone che si sono fermate al nostro gazebo a firmare le petizioni contro la vivisezione che stiamo supportando e per parlare degli animali, sfruttati dall' Uomo e non solo in campo scientifico.
Un ringraziamento doveroso anche al Comune di Salò per il gradito invito e per la impeccabile organizzazione della manifestazione. E' stato un piacere essere per il terzo anno consecutivo una delle 100 Associazioni ospitate da questa incantevole città.
 










PROTESTA CONTRO IL CIRCO ATTENDATO A CASTIGLIONE DELLE STIVIERE – VOGLIAMO DELLE RISPOSTE!


Vi proponiamo questi fotogrammi tratti da un  video amatoriale girato oggi, 21.09.2014 a Castiglione delle Stiviere (MN), piazzale  delle piscine, dove è attendato il circo di Viviana Orfei. Questa bambina è riuscita tranquillamente a superare le transenne e a raggiungere il recinto in cui dal 16.09.2014 sono reclusi una giraffa e un piccolo pony.

VI SEMBRA "NORMALE" CHE CHIUNQUE POSSA INTRODURSI, INDISTURBATO, NELLA PARTE DI PARCHEGGIO IN CUI GLI ANIMALI SONO TENUTI, IN SPREGIO DELLA NORMATIVA CITES E DEL CODICE PENALE? 
I CUSTODI DOVE SONO?
SE QUESTI ANIMALI DOVESSERO FUGGIRE O SPAVENTARSI PER LA PRESENZA DELL'UOMO E CAUSARE DANNI A PERSONE E/O COSE, CHI NE RISPONDEREBBE?

Non sarebbe meglio prevenire situazioni di pericolo e di danno e sanzionare chi non rispetta la normativa in materia di circhi e spettacoli viaggianti con gli animali?

LANCIAMO L'ENNESIMO APPELLO ALLE ISTITUZIONI E ALLE FORZE DELL'ORDINE: fate rispettare rigorosamente la normativa CITES!


BASTA CIRCHI CON GLI ANIMALI!






sabato 20 settembre 2014

LA GIRAFFA DEL CIRCO. ALCUNE RIFLESSIONI.

La storia della giraffa triste di Castiglione delle Stiviere (MN) ci offre lo spunto per alcune riflessioni. Stiamo ricevendo segnalazioni, immagini e video amatoriali che documentano l'assurdità di tenere prigionieri animali selvatici in luoghi a loro sconosciuti, estranei e inadatti. Alle amministrazioni locali che ospitano i circhi con gli animali chiediamo di far rispettare rigorosamente la normativa CITES!
Vogliamo controlli severi su tutti i circhi con animali a partire dal mal costume di fare affissioni abusive (nel 90% dei casi le affissioni dei circhi non sono in regola: cioè i circhi non pagano le tasse previste per questa forma di pubblicità). Leggiamo spesso che i Comuni lamentano scarse entrate...
In questo post abbiamo voluto evidenziare, con un filo di ironia, alcune gaffes più o meno evidenti, da parte di chi, davanti alla montante protesta via mail, iniziata martedì 16 settembre, il giovedì dopo già cercava di correre ai ripari...ma correndo troppo in fretta si dimenticava di rispettare la legge...
Confidiamo che i controlli operati con la consueta serietà e professionalità che contraddistinguono il Corpo Forestale dello Stato, consentano, laddove vengano rilevate infrazioni e irregolarità, di applicare le sanzioni previste dalla legge.
Vogliamo un mondo migliore in cui il rispetto per tutti gli esseri viventi venga messo al primo posto!
Auspichiamo che le persone, di tutte le età, scelgano altri modi più divertenti e costruttivi per trascorrere il proprio tempo libero, lontane dalla tristezza che queste splendide creature, nate per essere libere e costrette ad esibirsi in spettacoli patetici e umilianti, suscitano in chi ha un briciolo di cuore.
W il circo...SENZA animali!













UNIVERSITA' DI GENOVA - PRIMO CORSO TEORICO-PRATICO METODI ALTERNATIVI ALLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE



Con grande piacere vi informiamo che sta per partire il primo corso Ecm Teorico-Pratico sui metodi alternativi alla sperimentazione animale organizzato da I Care - Centro Internazionale per le Alternative nella Ricerca e nella Didattica.

Questo splendido progetto è finanziato con le donazioni e le offerte raccolte anche grazie ai numerosissimi banchetti I CARE che in quest'ultimo anno sono stati organizzati in diverse città italiane da parte di gruppi di volontari che credono in una Ricerca vera!

Il corso si terrà presso l'Università di Genova nel mese di Settembre 2014 e sarà condotto dalla ricercatrice Susanna Penco, Dottoressa malata di sclerosi multipla E obiettrice di coscienza che effettua ricerca in Italia esclusivamente con metodi di rilevanza umana tecnologicamente avanzati.






Il Corso fornisce un aggiornamento per la formazione teorico-pratica di futuri ricercatori e di coloro che fanno già attività di ricerca, per incrementare l’utilizzo dei metodi alternativi e la possibilità di allestire nuovi modelli scientificamente validi, per sostituire quelli sugli animali.Il Corso è focalizzato su come le nuove emergenti tecnologie possano rafforzare l'interpretazione e l'applicazione di metodi in vitro nella ricerca tossicologica.
ll Corso prevede una cospicua parte pratica dove ogni singolo partecipante, sotto la guida di esperti qualificati, potrà allestire test di tossicità su modelli 3D di tessuti umani ricostituiti, come richiesto dalle leggi europee (es. REACH) e colture tridimensionali su nuovi supporti dedicati. Le competenze che i partecipanti acquisiranno, potranno avere una ricaduta applicativa sui laboratori che svolgono non solo attività di ricerca ma anche di analisi su tematiche legate ai rischi per la salute umana, animale e per l’ambiente.

venerdì 19 settembre 2014

RASSEGNA STAMPA SUL CASO DELLA GIRAFFA DEL CIRCO ORFEI,

RASSEGNA STAMPA SUL CASO DELLA GIRAFFA DEL CIRCO ORFEI, attendato a Castiglione delle Stiviere (MN) dal 16 settembre.

La stampa locale on line e non solo si sta occupando del caso, grazie al clamore suscitato da tutti coloro che hanno aderito alla nostra protesta e inviato la mail per denunciare lo stato in cui questo circo tiene e costringe gli animali. In giornata è attesa la ispezione del Corpo Forestale. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.
Ringraziamo tutte le persone che con un piccolo ma significativo gesto hanno voluto dare voce a queste creature nate per essere libere e non per essere ridicolizzate e umiliate in patetici spettacoli. Gli animali non sono pagliacci! Sono esseri viventi e come tali vanno rispettati. Ringraziamo anche i giornalisti e le giornaliste che con sincero interessamento hanno dedicato uno spazio  a questo caso.
Questa apertura culturale verso un circo senza animali è il sentiero da percorrere e che porterà prima o poi alla abolizione di tutti i circhi con animali. Esistono spettacoli meravigliosi di altrettanti circhi prestigiosi che non sfruttano gli animali, ma investono sulla bravura dei propri artisti. Questo è e deve essere il futuro dei circhi! Basta strumentalizzare gli animali!
Intanto, da Castiglione delle Stiviere (MN) ci giungono voci che una spontanea e sentita protesta contro il circo sta dilagando anche tra i giovanissimi e le giovanissime che frequentano le scuole situate vicino al piazzale in cui si trova il circo, in zona S. Pietro. A questi giovani sensibili e intelligenti va tutta la nostra stima. Bravissimi ragazzi e ragazze! BASTA CIRCHI CON GLI ANIMALI!

Qui trovate tutte le info sulla nostra protesta, iniziata il 16 settembre:

RASSEGNA STAMPA:
Qui trovate, in ordine cronologico dal  16.09.2014 ad oggi 19.09.2014,  tutti gli articoli che si sono occupati e si stanno occupando della dolce giraffa e degli altri animali schiavi del circo Orfei:

















martedì 16 settembre 2014

PROTESTA VIA MAIL URGENTE CONTRO IL CIRCO DI VIVIANA ORFEI!

PROTESTA VIA MAIL URGENTE CONTRO IL CIRCO DI VIVIANA ORFEI!

Abbiamo ricevuto poco fa queste drammatiche fotografie che documentano lo stato penoso in cui è detenuta una giraffa (e un piccolo pony) del circo di Viviana Orfei, attendato a Castiglione delle Stiviere. Gli animali sono sul nudo asfalto, contrariamente a ciò che prescrive la legge, e inoltre il recinto, fatto di semplici transenne, potrebbe essere scavalcato con facilità. Gli animali soffrono come noi, provano paura, dolore, angoscia. Vi chiediamo 5 minuti del vostro tempo per scrivere una mail di denuncia-protesta al CORPO FORESTALE DELLO STATO affinché vengano fatti severi e urgenti controlli e vengano puniti coloro che sfruttano gli animali per i loro sporchi profitti! Non siamo contro il circo, ma contro lo sfruttamento degli animali!

Indirizzo mail:
cp.mantova@pec.corpoforestale.it

(per conoscenza potete aggiungere ai destinatari anche Vigili, Sindaco e Vicesindaco di Castiglione: vigili@comune.castiglione.mn.it;sindaco@comune.castiglione.mn.it; claudio.leoci@comune.castiglione.mn.it )

testo tipo:

Scrivo per protestare contro la presenza del Circo VIVIANA ORFEI, attendato a Castiglione delle Stiviere (MN) in località Via Lonato. Gli animali il giorno 16.09.2014 erano detenuti sull’asfalto e recintati con semplici transenne, con la conseguente possibilità di fuga e pericolosità /incolumità per le persone.
In particolar, tra gli altri, si segnala la condizione in cui si trovava una giraffa del predetto circo, costretta a sporgersi continuamente fuori da un tendone per poter raddrizzare il collo. Gli animali detenuti non hanno arricchimenti ambientali e sono detenuti su asfalto, non c'è possibilità di regolazione della temperatura degli ambienti in funzione delle singole esigenze degli esemplari e sono costantemente esibiti, non rispettando così i criteri 10 e 14 delle Linee guida per il mantenimento degli animali nei Circhi e non rispettando molti punti le linee guida per quel che riguarda le Zebre( struttura ,spazi, tipo di terreno, ambiente di detenzione, temperatura, protezione correnti d'aria, ecc.) Gli scarichi dei reflui (sia quelli civili, sia quelli correlati a stalle e similari) devono rispettare quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 152 dell’11 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni mentre i rifiuti solidi devono essere eliminati secondo le disposizioni del Decreto Legislativo n. 22 del 5 febbraio 1997 e successive modifiche ed integrazioni.
INOLTRE I circhi, in quanto impianti speciali adibiti al concentramento di animali che possono costituire pericolo per la diffusione di malattie infettive e diffusive, devono rispettare quanto previsto del D.P.R. n. 320 dell'8 febbraio 1954 sull’obbligo di vigilanza veterinaria (Capo IV Vigilanza sulle stalle di sosta, sui mercati, sulle fiere ed esposizioni di animali e sui pubblici abbeveratoi) e alcuni animali visti in loco (cavalli ecc.) sono compresi nell’elenco delle industrie insalubri di prima classe (di cui al Decreto del 5 settembre 1994) e come tali “debbono essere isolati nelle campagne e tenute lontane dalle abitazioni”, così come stabilito dall’art. 216 del Testo Unico delle Leggi sanitarie (TITOLO VII - Dei regolamenti locali di igiene e sanità e di polizia veterinaria, Artt. 344 - 346) mentre invece il suddetto Circo è a ridosso delle abitazioni e della piscina comunale.
In questo contesto si indirizza il presente atto alla Vostra cortese attenzione, chiedendo che vengano eseguiti urgenti e severi controlli sull’osservanza delle linee guida di cui sopra e confidando che, laddove vengano rilevate violazioni e irregolarità, i responsabili possano essere perseguiti. Allego alla presente le foto per documentare quanto esposto e le Linee Guide a cui ho fatto riferimento:
DA LINEE GUIDA PER IL MANTENIMENTO DEGLI ANIMALI NEI CIRCHI E NELLE MOSTRE ITINERANTI :
Criterio 9: VISITA AGLI ANIMALI AL SEGUITO DELLO SPETTACOLO. La visita agli animali al seguito dello spettacolo può rappresentare, se non gestita correttamente, un momento di stress per gli animali ed un potenziale pericolo per l’incolumità dei visitatori. Pertanto, quando concessa, è necessario che gli animali siano mantenuti in strutture che permettano agli stessi di potersi sottrarre alla vista del pubblico, almeno nelle strutture interne. In caso di visita guidata, oltre alla dichiarazione relativa alla sicurezza allegata all’idoneità prefettizia per la detenzione di animali pericolosi, dovrà inoltre essere presentato, a firma del legale rappresentante, un documento che garantisca la presenza di uno o più operatori del circo che accompagnino il pubblico nel corso delle visite e di misure di sicurezza adeguate ad evitare il contatto fisico diretto tra visitatori ed animali. Criterio 10: REQUISITI STRUTTURE. Gli animali dovranno avere a disposizione sia strutture di ricovero per ripararsi da condizioni climatiche avverse sia idonei arricchimenti ambientali atti ad evitare comportamenti stereotipati. Le relative strutture di mantenimento dovranno essere attrezzate con strumenti atti a regolare la temperatura degli ambienti in funzione delle singole esigenze degli esemplari ospitati.
Criterio 14: ESIBIZIONI. Gli animali non possono essere esibiti al di fuori della struttura (circo o mostra viaggiante) per la quale è stata rilasciata l’autorizzazione di attendamento.
5. Zebre Tali animali risultano a volte di difficile e delicata gestione: si ritiene pertanto che debba essere posta particolare attenzione al loro utilizzo in spettacoli. Strutture interne Dimensioni: 8 mq per animale. Clima: Protezione dalle correnti d'aria e temperatura sui 12°C circa. Terreno: Lettiera con paglia e oggetti per stimolare l'interesse degli animali. Struttura esterna Dimensioni: 150 mq per 1-3 esemplari (20 mq per ogni animale in più). Gli animali devono averne libero accesso per almeno otto ore al giorno. Clima: Gli animali devono poter accedere ad un'area protetta dal vento e dalle intemperie. Terreno: Deve essere naturale o con sabbia. Se il terreno non è sabbioso gli animali devono avere comunque la possibilità di fare bagni di sabbia o segatura. Devono essere presenti rami per stimolare l'interesse degli animali. 9. Giraffe Strutture interne Dimensioni: 12 mq per animale. I recinti devono permettere all’animale di mantenere il collo diritto.
Cordiali Saluti
Nome cognome 


>>>>>

QUI TROVATE ALTRE FOTO SCATTATE OGGI, 16.09.2014:https://www.facebook.com/media/set/?set=a.835405983160890.1073741915.272246016143559&type=1

Qui trovate il nostro evento FB permanente contro i circhi dove ci sono tutte le info e le norme di legge e i testi tipo per attivarvi in presenza di circhi con gli animali:
https://www.facebook.com/events/464645440335002/