lunedì 27 aprile 2015

RASSEGNA STAMPA - Circo attendato a Carpenedolo (BS)

Ringraziamo la stampa che sempre più frequentemente sta dimostrando grande sensibilità verso gli animali dando spazio alle iniziative di denuncia e di protesta organizzate da gruppi/associazioni animalisti.
Di seguito, gli articoli - pubblicati oggi sul web - che hanno dato spazio prezioso al nostro appello affinché vengano fatti urgenti e severi controlli sia a questo circo, attendato a Carpenedolo (BS), oggetto della nostra protesta via mail,  sia a tutti i circhi con animali che, di città in città, portano in giro spettacoli patetici e vivono dello sfruttamento degli animali (oltre che dei finanziamenti pubblici erogati dallo Stato con i nostri soldi!).

Continuate a scrivere per dare voce a chi non può difendersi! La protesta via mail continua! Qui l'evento FB con tutti i dettagli:  https://www.facebook.com/events/887973971260360/

W il circo ma SENZA animali!

http://www.quibrescia.it/cms/2015/04/27/circo-a-carpenedolo-protesta-animalista/





http://it.geosnews.com/p/it/lombardia/bs/carpenedolo-animalisti-chiedono-controlli-al-circo_6162083




Aggiornamento - circo attendato a Carpenedolo

Aggiornamento 27.04.2015: gli animali sono attualmente sotto la pioggia. Questa mattina verso le ore 8.00 abbiamo notato 2 dromedari evidentemente affamati che, avvicinandosi alle reti delle abitazioni confinanti, si cibavano delle siepi dei giardini, strappando rami e foglie di specie botaniche che potrebbero anche non essere adatte alla loro alimentazione o addirittura tossiche, per non parlare dei danni che, inavvertitamente, gli animali potrebbero provocare se spaventati da rumori improvvisi. Ricordiamo che sono sistemati praticamente sul ciglio della strada, tra l'altro, non provvista di marciapiedi in quel tratto, e che ciò che li separa dalla strada stessa è semplicemente una corda! Vi chiediamo di continuare a mandare le vostre mail affinché vengano effettuati al più presto i controlli e le verifiche del caso. Continuate a scrivere! Grazie!

domenica 26 aprile 2015

PROTESTA VIA MAIL URGENTE CONTRO IL CIRCO RUSSO a Carpenedolo (BS)

URGENTE! E' APPENA ARRIVATO UN CIRCO CON GLI ANIMALI A CARPENEDOLO (BS). PROTESTIAMO! BASTA CIRCHI CON GLI ANIMALI!







PROTESTA VIA MAIL URGENTE CONTRO IL CIRCO RUSSO a Carpenedolo (BS)!

Ci hanno segnalato che a Carpenedolo (BS), in zona bocciodromo, ieri 25 aprile 2015 è arrivato il circo RUSSO che rimarrà in zona fino al 28 aprile incluso. Gli animali (dromedari, pony, cavalli, lama, bisonti e, sembrerebbe, anche un piccolo elefante), come potete vedere dalla fotografia, sono tutti ammassati insieme sotto un piccolo gazebo, contrariamente a ciò che prescrive la legge, in un minuscolo appezzamento di terreno adiacente il parcheggio del bocciodromo, direttamente sulla strada, e a pochissimi metri dalle abitazioni civili, in pieno centro abitato. Inoltre il recinto, fatto di semplici transenne, potrebbe essere scavalcato con facilità sia dagli animali che dai passanti (bambini inclusi!). Gli animali soffrono come noi, provano paura, dolore, angoscia. Vi chiediamo 5 minuti del vostro tempo per scrivere una mail di denuncia-protesta al CORPO FORESTALE DELLO STATO affinché vengano fatti severi e urgenti controlli e vengano puniti coloro che sfruttano gli animali per i loro profitti! Non siamo contro il circo, ma contro lo sfruttamento degli animali!
Auspichiamo che l’Amministrazione Comunale faccia tesoro dell’esempio dato dal limitrofo Comune di Castiglione delle Stiviere, che nel dicembre scorso, ha deciso di sospendere le autorizzazioni ai circhi con animali che di fatto non potranno più piantare i loro tendoni nel territorio di Castiglione. Una scelta intelligente e lodevole che dimostra sensibilità verso gli animali da sempre oggetto di sfruttamento e crudeltà da parte dei Circhi.
Indirizzi mail: cp.brescia@pec.corpoforestale.it; distrvet.lonato@aslbrescia.it;
sindaco@comune.carpenedolo.bs.it; tiziano.zigliani@comune.carpenedolo.bs.it; maurizio.zonta@comune.carpenedolo.bs.it; segreteria@comune.carpenedolo.bs.it ; istruzione.cultura@comune.carpenedolo.bs.it; polmunicipale@comune.carpenedolo.bs.it 
Lettera tipo:
Alla c.a.:
Spett.le Corpo Forestale dello Stato
Egr. Sindaco e Spett.le Amministrazione Comunale di Carpenedolo
Spett.le Asl, distretto veterinario di Lonato

Scrivo per protestare contro la presenza del Circo RUSSO, attendato a Carpenedolo (BS), da ieri 25 aprile e fino al 28 aprile incluso, in zona bocciodromo. Gli animali (dromedari, pony, cavalli, lama, bisonti e, sembrerebbe, anche un piccolo elefante) sono ammassati tutti insieme sotto un unico e piccolo gazebo, contrariamente a ciò che prescrive la legge, e recintati con semplicissime transenne, con la conseguente possibilità di fuga degli stessi e pericolosità /incolumità anche per le persone. Il Circo è inoltre attendato in una zona residenziale del paese, via G. Verga (nel parcheggio del bocciodromo comunale), a pochissimi metri dalle abitazioni con evidenti problemi anche di carattere igienico sanitario (deiezioni degli animali gestione reflui).

In particolare, si segnala che non vi è possibilità di regolazione della temperatura degli ambienti in funzione delle singole esigenze degli esemplari e sono costantemente esibiti, privi di arricchimenti ambientali, non rispettando così i criteri 10 e 14 delle Linee guida per il mantenimento degli animali nei circhi e altri punti delle linee guida della normativa vigente in materia Gli scarichi dei reflui (sia quelli civili, sia quelli correlati a stalle e similari) devono rispettare quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 152 dell’11 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni mentre i rifiuti solidi devono essere eliminati secondo le disposizioni del Decreto Legislativo n. 22 del 5 febbraio 1997 e successive modifiche ed integrazioni.
INOLTRE I circhi, in quanto impianti speciali adibiti al concentramento di animali che possono costituire pericolo per la diffusione di malattie infettive e diffusive, devono rispettare quanto previsto del D.P.R. n. 320 dell'8 febbraio 1954 sull’obbligo di vigilanza veterinaria (Capo IV Vigilanza sulle stalle di sosta, sui mercati, sulle fiere ed esposizioni di animali e sui pubblici abbeveratoi) e alcuni animali visti in loco (cavalli ecc.) sono compresi nell’elenco delle industrie insalubri di prima classe (di cui al Decreto del 5 settembre 1994) e come tali “debbono essere isolati nelle campagne e tenute lontane dalle abitazioni”, così come stabilito dall’art. 216 del Testo Unico delle Leggi sanitarie (TITOLO VII - Dei regolamenti locali di igiene e sanità e di polizia veterinaria, Artt. 344 - 346) mentre invece il suddetto Circo è a ridosso delle abitazioni e del bocciodromo comunale.
In questo contesto si indirizza il presente atto alla Vostra cortese attenzione, chiedendo che vengano eseguiti urgenti e severi controlli sull’osservanza delle linee guida di cui sopra e confidando che, laddove vengano rilevate violazioni e irregolarità, i responsabili possano essere perseguiti. Allego alla presente le foto per documentare quanto esposto e le Linee Guida a cui ho fatto riferimento:
DA LINEE GUIDA PER IL MANTENIMENTO DEGLI ANIMALI NEI CIRCHI E NELLE MOSTRE ITINERANTI :
Criterio 9: VISITA AGLI ANIMALI AL SEGUITO DELLO SPETTACOLO. La visita agli animali al seguito dello spettacolo può rappresentare, se non gestita correttamente, un momento di stress per gli animali ed un potenziale pericolo per l’incolumità dei visitatori. Pertanto, quando concessa, è necessario che gli animali siano mantenuti in strutture che permettano agli stessi di potersi sottrarre alla vista del pubblico, almeno nelle strutture interne. In caso di visita guidata, oltre alla dichiarazione relativa alla sicurezza allegata all’idoneità prefettizia per la detenzione di animali pericolosi, dovrà inoltre essere presentato, a firma del legale rappresentante, un documento che garantisca la presenza di uno o più operatori del circo che accompagnino il pubblico nel corso delle visite e di misure di sicurezza adeguate ad evitare il contatto fisico diretto tra visitatori ed animali. Criterio 10: REQUISITI STRUTTURE. Gli animali dovranno avere a disposizione sia strutture di ricovero per ripararsi da condizioni climatiche avverse sia idonei arricchimenti ambientali atti ad evitare comportamenti stereotipati. Le relative strutture di mantenimento dovranno essere attrezzate con strumenti atti a regolare la temperatura degli ambienti in funzione delle singole esigenze degli esemplari ospitati.
Criterio 14: ESIBIZIONI. Gli animali non possono essere esibiti al di fuori della struttura (circo o mostra viaggiante) per la quale è stata rilasciata l’autorizzazione di attendamento.
APPENDICE A – CITES
1. Elefanti
Entrambe le specie, l'Elefante africano (Loxodonta africana ) e l'Elefante indiano (Elephas maximus), considerate le dimensioni e la forza, si ritengono generalmente difficili e pericolose da mantenere anche all'interno delle strutture zoologiche più qualificate. Infatti in queste specie i comportamenti aggressivi sono assai frequenti. Inoltre entrambe le specie sono minacciate di estinzione e di conseguenza incluse nell'allegato A del Regolamento (CE) n. 338/97 e s.m.i.
Non può essere ammessa la detenzione di un singolo animale, così come la detenzione di maschi e
femmine insieme.
Strutture Interne
Dimensioni: 15 mq per ogni individuo
Clima: Temperatura superiore a 15°C;
Terreno: Lettiera di paglia secca, superficie asciugabile rapidamente, adeguato drenaggio di acqua e urina
N.B. L’uso delle catene per il contenimento degli elefanti è in linea di principio da evitare. Tuttavia, le catene potranno essere utilizzate per brevi periodi, per motivi sanitari e cure legate al benessere animale e di sicurezza degli operatori, purché siano rivestite per un tratto di materiale morbido, consentano agli animali di coricarsi e rialzarsi autonomamente e venga cambiata a rotazione ogni giorno la zampa a cui vengono assicurate. Le catene non sono comunque accettabili in esterni.
Strutture esterne
Dimensioni: 100 mq per ogni individuo.
Clima: Devono essere disponibili zone ombreggiate per il riposo.
Terreno: Terreno naturale, con sabbia, erba o altri materiali naturali.
Tronchi per lo sfregamento, possibilità di fare bagni nell'acqua (se la stagione lo consente) e giocare con rami.
Altri fattori
Strutture interne ed esterne: In caso di temperature esterne inferiori ai 15 °C, gli elefanti devono avere la possibilità di proteggersi in un’area riparata dal vento e da altre condizioni meteorologiche avverse, ed in cui viene mantenuta una temperatura di circa 15°C. In caso di gelo gli animali devono poter disporre di ambienti riscaldati, privi di correnti d'aria, grandi abbastanza da permettere la permanenza a tutti gli esemplari, garantendo loro la possibilità di muoversi liberamente. La struttura deve essere progettata in maniera tale da poter essere pulita e lavata giornalmente su pareti e pavimento.
Se la stagione lo consente, gli animali devono poter utilizzare liberamente tutto lo spazio a loro
disposizione nella struttura esterna per tutto il tempo che desiderano e in ogni caso per almeno otto ore al giorno.
Cura e gestione degli animali: La presenza di curatori competenti e familiari con gli animali è
considerata essenziale. L'alimentazione deve essere assicurata diverse volte al giorno e deve includere, se possibile, rami con foglie. E' necessario assicurare giornalmente il bagno in apposite strutture; quando ciò non sia possibile gli animali devono essere annaffiati con acqua, in maniera particolare nelle giornate più calde. Inoltre devono avere la possibilità di fare bagni di sabbia. Se necessario questa può essere sostituita con segatura, sebbene occorra prestare particolare attenzione affinché gli animali non ne ingeriscano quantità eccessive.
4.Camelidi Questa famiglia comprende nella Regione paleartica il Cammello (Camelus bactrianus) ed il Dromedario (Camelus dromedarius ), mentre in quella neotropica la Vigogna (Vicugna vicugna ) ed il Guanaco (Lama guanicoe ), copostipite dell'Alpaca (Lama pacos ) e del Lama (Lama lama) che sono forme domestiche.
Strutture interne
Dimensioni: 12 mq per 1 animale di grandi dimensioni (dromedario, cammello) e 6 mq per ogni animale in più; 8 mq per 1 animale di medie dimensioni (alpaca, lama, vigogna) e 4 mq per ogni animale in più.
Terreno: Lettiera e oggetti che possano catturare l'attenzione degli animali.
Strutture esterne
Dimensioni: Lo spazio minimo deve essere di 200 mq per 2-3 esemplari (20 mq per ogni animale in più). Per le specie domestiche come lama e alpaca lo spazio può essere ridotto a 150 mq per 2-3 esemplari (15 mq per ogni animali in più). Gli animali devono averne libero accesso per almeno otto ore al giorno.
Terreno: Terra e sabbia. Devono essere forniti rami per stimolare l'interesse degli animali. Gli animali devono poter accedere ad un'area protetta dal vento e dalle intemperie.
Altri fattori
Strutture interne ed esterne: Gli animali non devono essere legati. I maschi manifestano talvolta atteggiamenti aggressivi e pertanto devono poter essere separati dagli altri animali; ad ogni modo non è possibile tenere più maschi insieme, a meno che si tratti di animali abituati a vivere insieme da lungo tempo e che convivano pacificamente. Questa specie può essere tenuta insieme ad altri equini.
Spettacoli: Tutte le specie, ad eccezione di lama e alpaca purché addomesticate, devono essere tenute a debita distanza dal pubblico in quanto possono mordere. Alimentazione: Sono tutte specie erbivore e pertanto possono essere alimentate con fieno, erba, frutta, verdure e foglie. Inoltre possono essere liberamente aggiunte piccole quantità di alimenti concentrati.
Richiamiamo anche il punto 5. Zebre, chiedendo di verificare se sia applicabile, per estensione analogica, ad altri equidi, presenti nel circo RUSSO attendato a Carpenedolo (BS) dal 25.04.2015 al 28.04.2015 (compreso): Punto 5. Zebre: Tali animali risultano a volte di difficile e delicata gestione: si ritiene pertanto che debba essere posta particolare attenzione al loro utilizzo in spettacoli. Strutture interne Dimensioni: 8 mq per animale. Clima: Protezione dalle correnti d'aria e temperatura sui 12°C circa. Terreno: Lettiera con paglia e oggetti per stimolare l'interesse degli animali. Struttura esterna Dimensioni: 150 mq per 1-3 esemplari (20 mq per ogni animale in più). Gli animali devono averne libero accesso per almeno otto ore al giorno. Clima: Gli animali devono poter accedere ad un'area protetta dal vento e dalle intemperie. Terreno: Deve essere naturale o con sabbia. Se il terreno non è sabbioso gli animali devono avere comunque la possibilità di fare bagni di sabbia o segatura. Devono essere presenti rami per stimolare l'interesse degli animali.

Si richiede inoltre la verifica del rispetto della normativa vigente a livello nazionale e locale in materia di affissioni pubblicitarie affinché, laddove trattasi di affissioni abusive, i responsabili vengano sanzionati e i cartelloni vengano immediatamente rimossi.
Auspichiamo che l’Amministrazione Comunale di Carpenedolo, faccia tesoro dell’esempio dato dal limitrofo Comune di Castiglione delle Stiviere, che, nel dicembre scorso, ha deciso di sospendere le autorizzazioni ai circhi con animali che di fatto non potranno più piantare i loro tendoni nel territorio di Castiglione. Una scelta intelligente e lodevole che dimostra sensibilità verso gli animali da sempre oggetto di sfruttamento e crudeltà da parte dei Circhi.
Ricordiamo inoltre che in molti Paesi (in Europa e nel Mondo) i circhi con gli animali sono già stati messi al bando proprio perché una società che pretende di ritenersi civile ed evoluta non può più accettare che gli animali vengano umiliati, derisi, maltrattati, esibiti e sfruttati in patetici spettacoli.
Cordiali Saluti
Nome cognome


e se il cartellone è abusivo?
La normativa vigente a livello nazionale e locale in materia di affissioni pubblicitarie prescrive una serie di regole e tariffe e, laddove trattasi di affissioni abusive, i responsabili devono essere sanzionati e i cartelloni  immediatamente rimossi.



venerdì 24 aprile 2015

Ritorna la VEG REVOLUTION!

Ritorna la VEG REVOLUTION!
Il Comitato Montichiari contro Green Hill vi invita a partecipare numerosi/e alle interessantissime iniziative di questa edizione della Veg Revolution primavera-estate 2015. Gli appuntamenti imperdibili si terranno tra maggio e giugno (li trovate dettagliatamente descritti nell'immagine qui sotto). Il Comitato sarà presente con il consueto tavolo informativo per promuovere la cultura del rispetto per tutti gli esseri viventi e il passaggio alla scelta vegan.
Vi aspettiamo!
Seguiteci, di volta in volta vi forniremo ulteriori informazioni.
qui la pagina FB del gruppo VegRevolution:
https://www.facebook.com/groups/527381493986150/?fref=ts







mercoledì 22 aprile 2015

BUONE NOTIZIE! IL COMUNE DI CASTIGLIONE DELLE STIVIERE DICE NO AI CIRCHI CON ANIMALI!

BUONE NOTIZIE! IL COMUNE DI CASTIGLIONE DELLE STIVIERE DICE NO AI CIRCHI CON ANIMALI!
Protestare serve eccome! Non rassegnatevi e non delegate agli altri. Se arriva un circo con animali nella vostra città, contattate subito i vostri amministratori e chiedete di non consentire l’attendamento a circhi che sfruttano gli animali con crudeltà. I circhi umiliano gli animali con esercizi stupidi e patetici, li maltrattano costringendoli a viaggi estenuanti, e spesso e volentieri non rispettano le leggi e le normative in materia di tutela degli animali. Date voce ai più indifesi e non siate mai complici dei prepotenti!
Siamo lieti che vi siano Amministrazioni Comunali, come quella di Castiglione delle Stiviere (MN), che con sensibilità e intelligenza si oppongono a dare ospitalità sul proprio territorio ai circhi con animali. Il nostro auspicio è che queste amministrazioni vengano copiate da moltissime altre. Chiedete ai Vostri amministratori di fare come hanno fatto a Castiglione. Basta poco!
>>QUI LEGGI TUTTO L’ARTICOLO PUBBLICATO OGGI, 22.04.2015 SULLA GAZZETTA DI MANTOVA
http://gazzettadimantova.gelocal.it/…/circo-gia-in-citta-ma…
>> QUI I NOSTRI SUGGERIMENTI PER CONTRASTARE I CIRCHI CON GLI ANIMALI IN ATTESA CHE FINALMENTE VENGANO MESSI AL BANDO COME GIA’ ACCADE IN ALTRI PAESI PIU’ SENSIBILI A QUESTE TEMATICHE:
https://www.facebook.com/events/464645440335002/


lunedì 13 aprile 2015

SOLIDARIETA' AD ANDREA CISTERNINO

Abbiamo appreso con dolore che il Rifugio Italia di Andrea Cisternino in Ucraina, ieri, 12.04.2015, è stato dolosamente distrutto da un incendio; 75 cani sono morti tra le fiamme. 
A Cisternino, per il vile e criminale gesto subìto, va tutta la nostra sincera solidarietà.

Comitato Montichiari contro Green Hill.

Nella foto e nel video, quel che resta del Rifugio Italia. Non aggiungiamo altre parole. Purtroppo la crudeltà e la prepotenza si commentano da sole.




lunedì 30 marzo 2015

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE IN MERITO ALLA CERTIFICAZIONE OTTENUTA DA GREEN HILL

Depositata interrogazione alla Ministro dello Sviluppo Economico, in merito alla Certificazione ottenuta da Green Hill



riceviamo e inoltriamo questa importante interrogazione parlamentare dell'On. Luigi Lacquaniti. Con l'interrogazione si chiede per quale motivo e su quali basi la società Italcert srl abbia rilasciato a Green Hill un certificato di conformità ISO 9001:2008 valido fino al 2013.
Ricordiamo che questo certificato è stato portato dalla difesa dell’azienda come prova a discarico, durante il dibattimento, nel corso del processo penale svoltosi a Brescia e terminato il 23.01.2015.

Ora si attende la risposta del Ministero.

Vi invitiamo a leggere il testo integrale della interrogazione qui:
http://luigilacquaniti.net/2015/03/30/depositata-interrogazione-alla-ministro-dello-sviluppo-economico-in-merito-alla-certificazione-ottenuta-da-green-hill/





sabato 28 marzo 2015

PRESIDIO INFORMATIVO "NO ALLA MATTANZA DEGLI AGNELLI E DEI CAPRETTI"

Si è svolto oggi, a Brescia, il nostro presidio informativo per sensibilizzare le persone sulla inutilità e crudeltà della strage di agnelli e capretti in occasione della Pasqua e per promuovere una scelta consapevole del regime alimentare vegan, basato sul consumo di alimenti di origine vegetale nel rispetto della vita degli animali e dell'ambiente. Ci teniamo moltissimo a sottolineare che "vegan" non è (soltanto) un tipo di dieta o uno stile di vita più salutare, ma è soprattutto prendere coscienza dello sfruttamento animale in ogni settore del vivere quotidiano e rifiutare di esserne complici!
Oggi, come ogni anno, abbiamo distribuito volantini e ricettari vegan ai passanti. Molte le persone interessate, pochi, per fortuna, gli individui che, per giustificare una scelta alimentare così crudele, si sono trincerati dietro i soliti luoghi comuni "l'uomo è predatore", "si mangiano per la tradizione" e via dicendo.
Noi pensiamo che nessuna tradizione culturale o religiosa possa essere invocata per giustificare la strage di questi cuccioli innocenti che, ricordiamolo, vengono strappati alle loro madri dopo soltanto una ventina di giorni e poi sgozzati tra grida e pianti che straziano il cuore.
Per questo motivo chiediamo un piccolo ma significativo gesto di pace: non mangiate i cuccioli né a Pasqua né gli altri giorni. Scegliete alternative vegan (100% vegetali) e festeggiate una Pasqua Buona!

Un ringraziamento speciale alle persone che ci hanno raggiunto al presidio per darci una mano in questa battaglia di civiltà.















domenica 22 marzo 2015

NO ALLA STRAGE DEGLI AGNELLI E DEI CAPRETTI! PRESIDIO 28.03.2015

Vi proponiamo, in anteprima, una ricetta vegan, il dessert.
Fa parte di un completo menù di Pasqua di AgireOra che distribuiremo sabato 28 a Brescia per dire NO alla mattanza degli agnelli e dei capretti e di tutti gli animali!

Abbiamo provato a preparare questo budino alla cannella e il risultato è stato strepitoso! Semplice e veloce da preparare e completamente cruelty free (cioè non contiene nessun ingrediente di origine animale).

Ti aspettiamo per scoprire con noi altre ricette cruelty free e condividere con te la gioia di una scelta di vita compassionevole e ricca di empatia verso il nostro prossimo che è TUTTO CIO' CHE VIVE, come diceva il Mahatma Gandhi.

Evento FB: https://www.facebook.com/events/800773583309419/

Si ringrazia AgireOra per il prezioso materiale.
Se qualcuno vuole organizzare un punto informativo come il nostro è semplice: basta un po' di buona volontà, qualche ora e pochissimi euro.



Il Comitato Montichiari contro Green Hill, attraverso la distribuzione di materiale informativo (volantini e ricettari di cucina vegan), intende sensibilizzare le persone sulla inutilità e crudeltà della strage di agnelli e capretti in occasione della Pasqua e promuovere una scelta consapevole del regime alimentare vegan, basato sul consumo di alimenti di origine vegetale nel rispetto della vita degli animali e dell'ambiente. 
Ci teniamo moltissimo a ricordare che "vegan" non è un tipo di dieta o uno stile di vita più salutare, ma è soprattutto prendere coscienza dello sfruttamento animale in ogni settore del vivere quotidiano e rifiutare di esserne complici! 

VI ASPETTIAMO A:

BRESCIA corso Zanardelli-angolo via X Giornate
SABATO 28 MARZO 2015
dalle ore 16.00 alle ore 18.00 circa.

Un suggerimento per chi parteciperà: se vuoi fare un cartello e portarlo al presidio sarai benvenuto/a. Ti chiediamo solo di scegliere immagini e toni che non siano violenti. Il nostro scopo non è impressionare le persone ma sensibilizzare, far comprendere che esiste un'alternativa eticamente sostenibile nel rispetto della vita di tutti.


NB l'iniziativa è pacifica e non sono graditi atteggiamenti aggressivi, violenti o denigratori.